Quando rovistavo nei bauli dei miei nonni

oltre all’odore dei ricordi logorati dal tempo, emergevano visi mai visti. In quel vuoto di memoria, però, saltava all’occhio un dettaglio riconoscibile anche sulle facce dei miei cari. Quando chiedevo chi fossero quelle persone oltre ai dettagli anche i nomi diventavano qualcosa di già conosciuto. Erano gli stessi nomi dei miei genitori o dei loro cugini. Ero sicuro quindi che quella storia mi apparteneva. I nonni e le generazioni precedenti con quelle foto ci hanno fatto un bel regalo.

Credo che sia altrettanto importante oggi regalare una traccia anche del nostro vissuto. Il valore reale lo capirete tra qualche anno.